Concorsi & Lavoro

Concorsi & Lavoro

Concorsi & Lavoro / News

Decreto reclutamento, concorsi pubblici in 100 giorni e prime assunzioni per l'attuazione del Recovery plan

Concorsi pubblici in 100 giorni e le prime assunzioni per l'attuazione del Recovery plan: arriva in Consiglio dei ministri, dopo lungo braccio di ferro, il decreto per il reclutamento. Il premier Mario Draghi blocca le richieste arrivate da quasi tutti i ministri, frena il tentativo di allargare le maglie del provvedimento e farne il veicolo per un'infornata di migliaia di nuovi dipendenti pubblici.

E limita il decreto legge elaborato dal ministro Renato Brunetta, che sarà in Cdm stamattina, a un gruppo minimo di assunzioni già previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e che servono subito per avviarne la "messa a terra": 350 persone per la rendicontazione finanziaria, 1.000 esperti da attribuire alla regioni per le semplificazioni, oltre 16mila assunzioni per l'ufficio del processo.

Con i team per la digitalizzazione, le assunzioni presso i ministeri potrebbero arrivare a circa 500. La fumata bianca arriva al termine di una cabina di regia convocata in serata dal premier Mario Draghi, con i rappresentanti di tutti i partiti di maggioranza. Con l'approdo in Cdm, senza ulteriori slittamenti, del decreto per il reclutamento, si pone il terzo pilastro per avviare l'attuazione del Pnrr italiano, quando (si spera da luglio) inizieranno ad arrivare le prime risorse (gli altri due pilastri sono la governance e le semplificazioni).

Per conseguire una certificazione ICDL/ECDL o verificare la validità di quella in tuo possesso chiama al fisso 091 688 8236 oppure al mobile 351 941 6657.
Visita il sito www.informaticanetizen.it.

Ecco cosa prevede la bozza:

Fino a 24mila assunzioni a tempo determinato
Complessivamente arrivano fino a oltre 24mila, 24.045 per l'esattezza, le assunzioni a tempo determinato per l'attuazione dei progetti del Pnrr entro il 2026. Nel dettaglio il dl prevede la possibilità di assumere fino a 1.000 unità di personale a supporto degli enti locali, 500 di professionisti per la rendicontazione finanziaria, altri 300 per la governance, 268 addetti per la transizione digitale; 67 all'Agid; 16.500 all'ufficio per il processo e 5.410 unità di personale amministrativo alla giustizia.

Assunzioni per progetti Pnrr
Al di fuori delle assunzioni di personale già espressamente previste nel Piano, "le amministrazioni titolari di interventi previsti nel Piano possono porre a carico del Pnrr esclusivamente le spese per assunzioni di personale specificamente destinato a realizzare i progetti di cui hanno la diretta titolarità di attuazione, nei limiti degli importi previsti dalle corrispondenti voci di costo del quadro economico del progetto". "L’ammissibilità di tali spese al Pnrr è oggetto di preventiva verifica da parte dell’Amministrazione centrale", si aggiunge.

Assunzioni oltre 36 mesi ma stop entro 2026
E ancora: secondo quanto prevede la bozza, i contratti di lavoro a tempo determinato e i contratti di collaborazione nel quadro del reclutamento per l'attuazione dei progetti del Pnrr "possono essere stipulati per un periodo anche superiore a trentasei mesi, ma non eccedente la durata di attuazione dei progetti di competenza delle singole amministrazioni e comunque non oltre il 31 dicembre 2026".

Stop incarico se non si raggiungono obiettivi
I contratti a tempo determinato e le collaborazioni per l'attuazione del Pnrr "contengono una clausola che ne consente la risoluzione unilaterale, da parte della pubblica amministrazione, in caso di mancato raggiungimento annuale degli obiettivi assegnati al soggetto e definiti dal contratto, in funzione dello stato di avanzamento dei progetti per i quali sono stati stipulati".

Apprendistato in pa per diplomati e universitari
Il dl reclutamento in attuazione dei progetti del Pnrr consente "l’attivazione di specifici progetti di formazione e lavoro nelle pubbliche amministrazioni per l’acquisizione, attraverso contratti di apprendistato di competenze di base e trasversali, nonché per l’orientamento professionale da parte di diplomati che non accedono a percorsi universitari e di studenti universitari compresi gli studenti iscritti a master di secondo livello, corsi di specializzazione e percorsi di dottorato di ricerca", si legge ancora nella bozza.

Da ingegneri a matematici, 500 assunzioni per rendiconto
Per la rendicontazione finanziaria nelle amministrazioni assegnatarie di progetti del Pnrr la bozza prevede 500 assunzioni a a tempo determinato di profili che vanno dagli ingegneri ai matematici e informatici. "Per la realizzazione del sistema di coordinamento, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo del Pnrr entro trenta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto - si legge nella bozza - il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri indice un concorso pubblico, per titoli e esame orale, per il reclutamento di un contingente complessivo di cinquecento unità di personale non dirigenziale a tempo determinato per un periodo anche superiore a trentasei mesi, ma non eccedente la durata di completamento del Pnrr e comunque non oltre il 31 dicembre 202", da inquadrare nei profili professionali economico, giuridico, informatico, statistico-matematico, ingegneristico gestionale.

Per conseguire una certificazione ICDL/ECDL o verificare la validità di quella in tuo possesso chiama al fisso 091 688 8236 oppure al mobile 351 941 6657.
Visita il sito www.informaticanetizen.it.

Per maggiori informazioni telefona al
091 688 82 36 oppure al 351 941 66 57.

Torna indietro

Altre offerte lavorative

Guardia di Finanza: 1.409 posti di allievi finanzieri
Maxi-concorso alla Regione Siciliana: bando da 1024 posti nei Centri per l'impiego
Pubblicato bando scuole italiane all'estero: domande entro il 21 giugno
Guardia di Finanza: 1.030 posti di allievi marescialli
Polizia di Stato: concorso pubblico per 130 Commissari
Uscito il Bando per il concorso personale ATA: domanda dal 22 marzo al 22 aprile